A1.c.17 Barbera e Champagne di Giorgio Gaber – 1972


È la storia di due uomini soli al bar. Entrambi hanno subito una delusione d’amore, uno beve champagne perché altolocato l’altro beve barbera perché di una classe sociale più bassa. Litigano, cantano e diventano amici e alla fine si scopre che il povero è disoccupato e ambisce a lavorare all’Onestà (Catena d’abbigliamenti dal 1948 al 2000 ca, nel Nord Italia) dove è direttore il primo dei due.

Triste col suo bicchiere di Barbera
Senza l’amore al tavolo di un bar
Il suo vicino è in abito da sera
Triste col suo bicchiere di champagne
Sono passate già quasi tre ore
Venga, che uniamo i tavoli signor
Voglio cantare e dimenticare
Coi nostri vini il nostro triste amor

Barbera e champagne stasera beviam
Per colpa del mio amor, pa ra pa pa
Per colpa del tuo amor, pa ra pa pa
Ai nostri dolor insieme brindiam
Col tuo bicchiere di Barbera
Col mio bicchiere di champagne

Come eran tristi e soli quella sera
Senza le donne al tavolo di un bar
Longo, Fanfani, Moro e giù Barbera
Gianni Rivera, Mao e giù champagne
Guardi, stia attento, lei mi sta offendendo
Huela, come ti scaldi ma va là
Vieni baliamo insieme questo tango
Baliamo insieme per dimenticar

Barbera e champagne stasera beviam
Per colpa del mio amor, pa ra pa pa
Per colpa del tuo amor, pa ra pa pa
Ai nostri dolor insieme brindiam
Col tuo bicchiere di Barbera
Col mio bicchiere di champagne

Colpa di quel barista che è un cretino
Ci hanno cacciato fuori anche dal bar
Guarda non lo sapevo è già mattino
Si è fatto tardi ormai bisogna andar
Giusto però vorrei vederla ancora
Io sono direttore all’Onestà
Molto piacere vede io per ora
Sono disoccupato, ma chissà

Barbera e champagne stasera beviam
Per colpa del mio amor, pa ra pa pa
Per colpa del tuo amor, pa ra pa pa
Ai nostri dolor insieme brindiam
Col tuo bicchiere di Barbera
Col mio bicchiere di champagne